TOP TEN DUBLINO

Dublino, una delle più popolari capitali d’Europa, è una città immersa nella storia. A poca distanza l’uno dall’altro troverete resti vichinghi, cattedrali e chiese medievali, piazze e residenze georgiane ed importanti musei.

Ma non si tratta solo di palazzi: musica, letteratura, teatro e pub fanno la loro parte nel creare l’atmosfera dublinese.

Ecco i dieci luoghi da non perdere per catturare tutta la varietà e la vitalità di Dublino!

 

  1. Trinity College: la più antica delle università irlandesi è anche una delle prime sorte in Europa. I suoi palazzi e terreni sono un punto di riferimento nel cuore della città
  2. National Museum of Ireland: dai dinosauri alla storia militare; tre collezioni in tre luoghi differenti costituiscono un museo di alto livello
  3. National Gallery of Ireland: grandi capolavori italiani, francesi, olandesi e spagnoli sono esposti assieme ad una vasta collezione di arte irlandese
  4. Dublin Castle: sorprendente oasi di pace, il castello venne costruito all’interno delle mura cittadine e originariamente era protetto dal fiume Liffey a nord e a sud e a sud est dal fiume Poddle, che ora scorre sotterraneo
  5. Temple Bar: questa antica parte della città è diventata uno dei quartieri più frequentati, sia di giorno che di notte. Per bere e mangiare non c’è che da scegliere
  6. Christ Church Cathedral: splendidi resti normanni, gotici, romani e vittoriani si contendono l’attenzione in una delle prime chiese vichinghe
  7. St. Patrick’s Cathedral: tradizionalmente nota come “la cattedrale del popolo” è uno dei più antichi siti cristiani della città ed è il principale luogo di ritrovo della comunità protestante della capitale irlandese
  8. Guinness Storehouse: la pinta di Guinness potrebbe essere il simbolo della nazione irlandese. Questa affascinante visita alla fabbrica termina con l’offerta di una pinta della famosa bevanda nel bar degustazione con vista sulla città
  9. Kilmainham Gaol e Hospital: dopo la visita alle vecchie prigioni, rasserenatevi con l’Irish Museum of Modern Art, ospitato nell’antico ospedale
  10. Phoenix Park: grande orgoglio e luogo di divertimenti dei dublinesi, questo è uno dei più grandi parchi cittadini d’Europa. I monumenti storici e lo zoo sono solo alcune delle sue attrattive.


MERAVIGLIOSA IRLANDA: GALWAY E DINTORNI

La contea di Galway possiede una maestosità particolare e un senso di appartenenza alla natura, visto che fronteggia l’oceano Atlantico. Anche la zona intorno alla città di Galway, stretta in una striscia di terra tra il Lough Corrib e le immense distese d’acqua della Galway Bay, possiede questa stessa caratteristica. Ha un suo fascino, grazie agli ottimi ristoranti e pub. ed è una buona base per visitare il territorio. A sud della città si estende una dolce e verdeggiante campagna. Gran parte dell’attrattiva di questa zona risiede nel paesaggio tranquillo, ma per gli amanti della letteratura l’interesse si concentra sul legame col poeta irlandese W.B.Yeats: sebbene non fosse originario di questa regione, Yeats tornava spesso nelle sue opere ai miti e alla grandezza del Sud dell’Irlanda, e trascorse molti anni della sua vita al Thoor Ballylee, vicino a Gort, a sud di Galway.

1. GALWAY: questa piacevole cittadina, capoluogo di regione, venne eretta dapprima come fortezza degli O’Connors di Connacht. Colonizzata nel 1235 dagli anglo-normanni, divenne un ricco porto di mare: alcuni bei palazzi sono rimasti, come Lynch’s Castle (XVI secolo, ora una banca) e la chiesa di St. Nicholas, del XIV secolo. Buona atmosfera, musica e negozi tradizionali.

2. LOUGH CORRIB: l’estensione delle fredde acque del Lough Corrib lo fanno sembrare più parte dell’oceano Atlantico che non un lago, il secondo in Irlanda, famoso per la pesca, la navigazione e le passeggiate.

3. KINVARA: la strada intorno alla baia di aGalway attraversa una quantità di piccoli villaggi notevoli per bellezza e atmosfera. Il migliore è Kinvara, o Kinvarra, con il suo porto di pescatori e i cottage sul molo. Ospita un festival di musica tradizionale in maggio e un raduno di imbarcazioni in agosto.

4. COOLE PARK: boschi, laghi e sentieri di questa riserva naturale, con cervi e scoiattoli, erano un tempo parte di una grande dimora georgiana, residenza di Augusta Gregory. La nobildonna ospitò famosi romanzieri e commediografi del suo tempo e il revival irlandese ebbe inizio qui.  La casa nel tempo cadde in rovina e venne smantellata.

5. CONG ABBEY: nella stretta striscia fra Lough Corrib e Lough Mask l’attraente villaggio di Cong si estende al confine di Galway nella contea di Mayo. Cong Abbey fu un’importante comunità agostiniana fondata dal re di Connacht nel 1120 e divenne un centro spirituale di rilievo. Chiusa durante la riforma, cadde in rovina. Ciò che ne resta è maestoso, anche se i chiostri sono stati in parte ricostruiti.

6. OUGHTERAD: sulle rive di Lough Corrib, questo piccolo paese è diventato un centro turistico, La sua attrattiva principale è l’Aughnanure Castle, accanto al lago: una bella torre del XVI secolo, parte della residenza del clan O’Flaherty.

7. THOOR BALLYLEE: seguite il cartello “Yeats Tower” per arrivare alla vecchia torre in cui W.B. Yeats e sua moglie trascorsero gran parte degli anni ’20. Piccola fortezza, venne restaurata dia Yeats stesso ed è descritta in molti dei sui poemi.

8. KILMACDUAGH MONASTERY: uno stupefacente insieme di rovine monastiche. La chiesa originaria, del 610 d.C., fu ingrandita nei secoli e sostituita da una cattedrale mantendendo molte delle caratteristiche originali.

9. SPIDDAL: ufficialmente irlandese per lingua e con una scuola gaelica, Spiddal è una piacevole fermata sulla strada costiera della baia. Qui hanno sede molte botteghe artigiane di porcellane e tessuti fatti a mano e a maglia.

10. ATHENRY : la nota canzone popolare “The fields of Athenry” rievoca la colonizzazione anglo – normanna. Nel 1235 Meiler de Bermingham ottenne uno statuto per la città dove costruì un piccolo castello e nel 1241 eresse la Dominican Priory dove avrebbe voluto essere sepolto con u suoi discendenti. Oggi si può visitare tutto il sito, compresa una croce del XV secolo.


MERAVIGLIOSA IRLANDA: LIMERICK E DINTORNI

Dal verde lussureggiante di Tipperary agli ingorghi di limerick, dai piacevoli battelli vacanza che attraversano il fiume Shannon fino al desolato, stupefacente vuoto del Burren, questa regione comprende tutte le diversità dell’Irlanda rurale. Vi è una quantità di suggestivi siti storici e villaggi da cartolina, così come di cittadine di campagna senza un turista nel raggio di chilometri. Traversate lo Shannon fino alla maestà rocciosa della contea di Clare, la cui vita campestre conserva autenticità e indipendenza. Culturalmente la zona è radicata nella tradizione e nei pub ascolterete moltissima musica irlandese. Le scogliere della costa  combattono contro la forza dell’Atlantico, mentre all’interno le ginestre e le felci battute dal vento si offrono agli alti pascoli. Le pecore vagano libere sulle colline e nei campi, come se ne fossero proprietarie.

  1. Cashel: questa cittadina campestre è dominata dalla Rock of Cahsel, una struttura in pietra pre-cristiana nota ai tempi come Cashel of Kings. A causa del crescente potere della chiesa, nel 1101 i re di Munster si autodefinirono dinastia di nobili arcivescovi ed eressero numerosi edifici ecclesiastici. La maggior parte venne distrutta dagli inglesi, ma sono rimaste la cappella di Cormac, del Xii secolo, la prima chiesa romanica costruita in Inghilterra; la cattedrale senza tetto del XIII secolo; e il Vicar’s Choral, del XV secolo, dove risiedevano i cantori della cattedrale.
  2. LIMERICK: un ritratto drammatico della Limerick industriale, la terza città della repubblica, compare ne “Le ceneri di Angela” di Frank McCourt. In realtà non è poi così male oggi; in centro ci sono buoni ristoranti e nei pub si respira un’atmosfera piacevole. Tra i luoghi di imponenza storica l’imponente King John’s Castle, costruito nel 1210, e lo Hunt Museum, con la sua splendida collezione di antichità irlandesi.
  3. CLIFFS OF MOHER: otto chilometri di scogliere che si ergono per 214 metri sopra l’Atlantico: una delle più lunghe scogliere europee. Il sentiero sulla scogliera conduce fino alla O’Brien’s Tower, con una splendida vista.
  4. BURREN: vasto e deserto tavolato calcareo di rocce piatte, a prima vista i 260 kmq del Burren (si pronuncia “Burn”) sembrano senza vita. Ma la ragnatela di gole nascoste è ricca di arbusti, alcuni davvero rari. Un tempo densamente popolato, il Burren conserva la presenza di dolmen (tombe megalitiche preistoriche), resti di torri e roccaforti.
  5. RIVER SHANNON: il fiume più lungo d’Irlanda si apre in vasti laghi, che sfociano alla fine nel grande estuario.  Le anse del fiume marcano di solito i confini dell’Ovest. Lough Drag, il lago più grande è divenuto una meta per barche e pesca a lenza. Sul lungofiume, una grande varietà di uccelli.
  6. KILRUSH e LOOP HEAD DRIVE: Kilrush non ha in sè nulla di particolare, ma è una buona base per esplorare la zona sudoccidentale della contea di Clare. Vale la pena una gita in auto fino alla lontana Loop Head. Per addentrarvi nella storia locale, in particolare nelle privazioni subite sotto il dominio inglese, visitate il Kilrush Heritage Centre. Merita una visita anche il Walled Garden della tenuta della famiglia Vandeleur.
  7. BUNRATTY CASTLE: la solida fortezza del XV secolo degli O’Briens, conti di Thomond, è divenuta luogo alla moda per banchetti medievali e altre amenità. La struttura a cinque piani è stata ristrutturata dal visconte Gort nel 1954. Dietro il castello, il Bunratty Folk Park permette di entrare nella tradizione culturale rurale.
  8. FOYNES FLYING BOAT MUSEUM: i viaggi transatlantici tra l’Irlanda e gli USA iniziarono a Foynes nel 1939 e nel 1942 partì da qui il primo viaggio passeggeri non stop tra Europa e America. Il museo ne narra la storia e ospita una sala da the anni ’40.
  9.  ENNIS: cittadina deliziosa, con file di negozi e pub con musica, eretta nel XIII secolo intorno alla comunità francescana di Ennis. Chiusa nel 1692, l’abbazia cadde in rovina ma i resti includono l’istoriata MacMahon tomb.
  10. KILLALOE: cittadina marinara chic, sorta a sud di Lough Derg, e centro di sport acquatici. La st. Flannan’s Cathedral, XII secolo, e l’oratorio contengono bassorilievi romanici.


MERAVIGLIOSA IRLANDA: CORK E DINTORNI

La città di Cork e i dintorni sono pieni di luoghi storici, culturali e panoramici da visitare. La stessa Cork è una graziosa cittadina, che vale due giorni di visita, includendo le varie isole nel porto di Cork formatesi grazie alla biforcazione del fiume Lee. Cobh, sull’isola conosciuta come Great Island, salì alla ribalta nel XIX secolo come importante base navale. grazie al suo grande orto naturale. Nei pressi il Fota Wildlife Park offre al turista un’alternativa ai paesaggi di acqua e mare. Tra Corl e Youghal, la cittadina Midleton è sede di una delle più antiche distillerie irlandesi, la Jameson, etichetta del famoso whiskey. L’altrettanto noto Blarney Castle, con la sua pietra “magica”, è poco distante, a nord di Cork. Verso sud, l’incantevole villaggio di pescatori di Kinsale è ricco di locali dove mangiare e alloggiare, caratteristiche che ne fanno una buona base per visitare l’intera zona.

 

  1. CORK: la seconda città di Irlanda, costruita su entrambe le rive del fiume Lee, è la vera rivale di Dublino. I pittoreschi lungofiume, collegati da una serie di ponti, offrono panorami spettacolari. I numerosi canali, le viuzze e gli edifici georgiani conferiscono alla città un aspetto più continentale che insulare.
  2. KINSALE. il fatto che Kinsale abbia il suo festival di arte culinaria dà un’idea del livello dei ristoranti e dei locali della zona. Si tratta probabilmente del più ricco e sofisticato villaggio di pescatori della zona; il delizioso porticciolo è il punto focale delle attività cittadine, che si svolgono qui e nelle strade circostanti.
  3. COGH: il nome di questa cittadina del XIX si pronuncia “Cove”. Si tratta di uno dei porti naturali più grandi del mondo, e nel suo periodo d’oro la città era uno dei maggiori porti commerciali e un attracco obbligato per le navi di lusso. Cobh fu l’ultimo scalo del Titanic prima che salpasse per la sua tragica crociera.
  4. YOUGHAL: a 50 km a est di Cork Youghal (si pronuncia “yawl”) ha un’ottima posizione sull’Oceano Atlantico e sull’estuario del fiume Blackwater. L’imponente cinta muraria fu eretta dagli inglesi per proteggere il villaggio dagli attacchi dei nativi irlandesi. Sotto Cromwell la città divenne una roccaforte degli inglesi protestanti.
  5. BLARNEY CASTLE: è proprio la Blarney Stone a richiamare qui folle di turisti. La leggenda narra che chiunque baci la pietra verrà dotato di un linguaggio eloquente. l castello risale al XV secolo ed è un raffinato esempio dell’architettura del periodo.
  6. FOTA WILDLIFE PARK: questo centro di 285 ettari si distingue per la salvaguardia dell’ambiente, il nutrimento e la reintroduzione della fauna dell’habitat naturale. La riserva di ghepardi è la più affermata al mondo al di fuori dell’Africa.
  7. TIMOLEAGUE ABBEY: una strana atmosfera aleggia in questo luogo, quando la nebbia avvolge la spiaggia e sull’acqua asi staglia il profilo dell’abbazia francescana del XIII secolo.
  8. OLD MIDLETON DISTILLERY: presentazione audiovisiva, tour guidato, visita a granai, impianti di distillazione e mulini con degustazione finale del famoso whiskey Jameson, che viene prodotto qui.
  9. CHARLES FORT: costruito nel tardo XVII secolo, il forte è legato al alcuni dei più importanti eventi della storia d’Irlanda, inclusa la conquista di Gugliemo d’Orange nel 1689-91 e la guerra civile irlandese nel 1922-23.
  10. ROYAL GUNPOWDER MILLS: la produzione di polvere da sparo è stata una delle principali attività industriali di Cork a metà del XIX secolo, fino a che gli stabilimenti chiusero nel 1903. Sono visitabili i canali, gli opifici e gli alloggi delle operaie.